RESEGONE – GIRO CRESTE NORD

INFORMAZIONI TECNICHE:
• REGIONE: Lombardia
• PARTENZA: via ai Poggi – località Malnago – Lecco
• ARRIVO: Punta Cermenati 1875 m. s.l.m.
• DISTANZA: 22 km.
• DISLIVELLO: 2000 m. D+
• SENTIERO: n. 1 e sentiero n. 7
• RIFUGI: Stoppani e Azzoni
• DIFFICOLTÀ: EE

GIRO AD ANELLO DEL RESEGONE
Storicamente chiamato Resegone, in dialetto resegón ( grande sega ) ma
detto anche monte Serrada, è la montagna per eccellenza di Lecco, il cui
nome prende origine dal suo celebre profilo, infatti le sue nove punte
principali ricordano proprio la lama di una sega.
Ci sono diversi vie per raggiungere la Punta Cermenati ma sicuramente
quelli più suggestivi sono il celebre sentiero 1, teatro della mitica corsa in
montagna ResegUp, che raggiunge il rifugio Stoppani, il pian Serrada e
dopo aver percorso un tratto di catena, che permette di raggiungere in
sicurezza il Canalone di Val Negra, si arriva al rifugio Azzoni poco sotto la
vetta.

L’alternativa che consiglio è sicuramente meno diretta ma permette di
godere di splendidi paesaggi sui Piani d’Erna e sulla mitica Grigna.
Si parte sempre dalla località Malnago, procedendo sul sentiero 1 fino a
raggiungere il rifugio Stoppani a 890 m. s.l.m. e continuando lungo il
sentiero si arriva alla Bocca d’Erna a quota 1291 m. s.l.m., punto d’incontro
tra vari sentieri, tra cui l’Anello del Resegone, percorso circolare che
passando una serie di colli, permette di compiere l’intero periplo della
montagna mantenendosi tra i 1100 e i 1500 m. di quota.
Da qui sulla sinistra si segue il sentiero 7, sentiero a tratti immerso nel bosco
con la possibilità di rifornirsi d’acqua alla sorgente Pesciola, che conduce al
Passo del Giuff.

Da qui si inizia a salire fino al Pizzo Morterone passando per tutte le creste
nord, tra cui il Dente, Punta Manzoni, Punta Stoppani, fino ad arrivare alla
Punta Cermenati che domina sopra lo splendido rifugio Azzoni.

Una volta in vetta, la discesa inizialmente passa dal sentiero 17 e
nuovamente sentiero 7 fino ad arrivare al comune di Morterone, il più
piccolo comune d’Italia, in località Forbesette, per poi risalire verso il Passo
del Giuff e arrivare nuovamente ai Piani d’Erna.
L’ultima discesa porterà di nuovo al rifugio Stoppani e verso la località di
Malnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *