LA POTENZA LIPIDICA

La potenza lipidica

Possiamo definirla ,in termini teorici e scientifici ,come la quantità di grassi utilizzati in un minuto per produrre energia.

Allenare questa capacità è fondamentale per ottenere un miglioramento in una gara come la maratona .Permettetemi una parentesi tecnica: in maratona un soggetto di 70 kg brucerà dalle 2500Kcal alle 3000 Kcal per portare a termine la gara. Se dovessi ipotizzare la distribuzione di questi consumi starei su un 70% carboidrati – 25% proteine – 5% grassi. Considerando che ,dai carboidrati noi possiamo ricavare circa 2000 Kcal, capite quanto risulta importante l’apporto dei grassi. Ricordo anche che I GRASSI POSSONO ESSERE BRUCIATI SOLO IN PRESENZA DI CARBOIDRATI.

Quando corriamo a velocità per noi sostenute ,il consumo calorico sarà tutto a favore dei carboidrati (per esempio, in una 10 km ,il consumo lipidico è praticamente pari a 0)

IN CHE MODO POSSIAMO AUMENTARE LA POTENZA LIPIDICA?

1 ) La prima via percorribile è quella di rendere il ritmo maratona ,una corsa facile e in controllo (solo per attività ritenute “sotto controllo” il nostro organismo andrà ad utilizzare i grassi come fonte di energia) questo spiega perché i lunghi non possono essere corsi troppo lentamente.

2) Iniziare a correre con le riserve di glicogeno (carboidrati) scariche. In questo modo, il nostro corpo riconosce subito questo deficit aumentando la percentuale di utilizzo dei grassi

3) Un modo è ottenere una deplezione di glicogeno con un allenamento. L’importanza di correre lunghi di 35/38 km a ritmi vicini a quelli della gara , oppure fare il famoso doppio ,dove tra un allenamento e l’altro farò un pranzo a basso carico di carboidrati.

Per concludere, un lavoro integrato tra ALIMENTAZIONE e ALLENAMENTO porterà il nostro organismo verso un incremento della POTENZA LIPIDICA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *